Sonetti romaneschi di Lorenzo Paolini

Robba da nun prenne sur serio…
O forse si?!

—————————–

La cavalla parlante

Er sabato, p’evade li problemi
m’arzo all’arba e vo’ da la cavalla.
La sello, monto e poi, senza patemi,
me metto a galoppare a tutta calla.
Voi nun potete capì la meravija
quanno che ‘n giorno quella s’è girata
e m’ha detto: “A sor coso, che te pija,
nun te pare ‘na corsa esagerata?”
Io, come ‘n baccalà, giustificai:
“..è ‘na specie de varvola…” e lei lesta:
“stacce più attento sinnò passi li guai
e mo’ ritorna, che ciò mar de testa”
Da quer momento fu ‘na litania:
“Er filetto era duro, oggi me rode,
male a la schina, m’ariva la zoppia,
vojo la sella nova e più carote…”
Quanno che pe’ protesta m’ha sgroppato,
n’ciò visto più, so’ sceso e ho salutato:
“Si me devo sorbì tutte ste doje
sabato resto a casa co’ mi moje!

L’ex fidanzato

A cena co’ l’amiche ‘na secchetta
sentenziava su tutto a perdifiato
e su ogni cosa che veniva detta
ce doveva infilà l’ex fidanzato.
Parlavi de cavalli? Lui ciannava.
De barche? Lui perfino regatava.
Quant’era colto, chic, beneducato…
“me lo fecero puro deputato!”
Quanno ch’è uscito ch’era bravo a letto
una n’cia visto più e j’ha dimannato:
“Ma questa perla senza alcun difetto,
sto’ superomo, com’è che l’hai lasciato?”
“Veramente” ribatté lei in falsetto,
“un difetto ce stava: era sposato.”

La Politica

C’era un G8 co’ Assi e Re a convegno
e le Reggine assise un po’ in disparte
ciascuno preoccupato che il suo Regno
fosse er più ganzo der mazzo de carte.
Parlò er Re a Cuori, rosso, quasi urlando:
“è er Bridge l’ordinamento più ciovile,
ch’er Buraco sia tosto messo ar bando!”
E l’Asso a Quadri: “Collega sia gentile…
dir Burraco vuol dir Democrazia…”
Le Q, distratte, parleno dei Fanti
“Quello de Picche è er mejo che ce sia
A letto è n’Asso, batte tutti quanti”
Ner frattempo er fijo der padrone
un pischelletto privo d’arte e parte
li prese in mano e con soddisfazione
fece due strati d’un castel de carte.
“La nobirtà è la base der sistema”
dissero i Re tenendo le man strette
areggendo le dame sulla schiena,
li fanti sopra, coi piedi sulle tette.
Tremavano li Jolly, gli Assi e i Due
ma l’artri, carte senza alcun decoro,
visto che in ogni gioco il volgo è bue,
tacevano, facenno i fatti loro.
A l’improviso un sei palestinese,
sfuggì di mano al povero ragazzo
e si lanciò gridando “Dio lo chiese!”
facenno esplode i Re co’ tutto er mazzo!
Il ragazzetto con sguardo desolato
guardò le carte, stese a faccia in giù:
erano tutte uguali da quel lato.
S’arzò, sorise e nun ce pensò più.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *